Vaccini, le Asl avvisano le famiglie non in regola

Stampa Home
Articolo pubblicato il 23/07/2017 alle ore 07:00.
Vaccini, le Asl avvisano le famiglie non in regola 4
Vaccini, le Asl avvisano le famiglie non in regola 4

Saranno direttamente le Asl del Piemonte ad avvisare le famiglie non in regola con gli obblighi vaccinali, inviando una lettera contenente la prenotazione delle sedute, la data e l’ora della convocazione. La lettera, che sarà ricevuta dalle famiglie in duplice copia entro il 31 agosto, servirà anche come attestato per le famiglie da presentare a scuola entro il 10 settembre: firmandola, si esprimerà la volontà di aderire all’invito dell’Asl.

La Regione Piemonte si attrezza così per applicare entro l’inizio del nuovo anno scolastico le direttive sull’obbligatorietà dei vaccini. L’obiettivo è di semplificare il più possibile le procedure per le famiglie e per il mondo della scuola, attraverso la collaborazione fra gli Uffici scolastici territoriali, i Comuni e le aziende sanitarie, che organizzeranno incontri appositi per informare e sensibilizzare gli operatori. La Giunta metterà anche a disposizione il numero verde regionale 800.333.444.

Si stima che siano 61mila i bambini e i ragazzi piemontesi da convocare fra nidi, materne e scuola dell’obbligo per un totale di 225mila sedute vaccinali da effettuare a partire dalla fine di settembre, con precedenza per i bambini che frequentano nidi e materne, ovvero nelle classi di età dove le mancate vaccinazioni possono comportare rischi più elevati.

Le famiglie i cui figli sono già in regola con le vaccinazioni previste non riceveranno alcuna comunicazione da parte delle Asl. Ai genitori basterà compilare un’autocertificazione da consegnare a scuola entro il 10 settembre. Il modulo sarà scaricabile dal sito Internet della Regione Piemonte e presso i siti delle singole Asl territoriali.

“Intendiamo rassicurare le famiglie piemontesi sul fatto che, nell’attuazione del decreto vaccini, disagi e difficoltà burocratiche saranno ridotti al minimo – spiega l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta -. Non sarà necessario rivolgersi di persona ai centri vaccinali, ma saranno le Asl ad effettuare automaticamente le prenotazioni per le sedute vaccinali da recuperare, mentre per chi è già in regola basterà una semplice dichiarazione”.

“Stiamo avviando un percorso – aggiunge l’assessora all’Istruzione Gianna Pentenero – importante e delicato. L'assessorato alla Sanità ha individuato le modalità più semplici per poter dar corso al decreto, impegnandosi a ridurre al minimo l'impatto sulle scuole. Proprio per questo, stiamo collaborando attivamente con l'Ufficio scolastico regionale”.

Territori

Cultura

Sport

Sanità

Politica